Emilia-Romagna
Acque marino costiere Concentrazione di fosforo
Commento

Il fosforo ortofosfato è un parametro molto variabile soprattutto nelle stazioni costiere, che risentono, in maniera diretta, dei contributi degli insediamenti locali. La distribuzione di questo elemento lungo la costa presenta un andamento in diminuzione da costa verso largo, da nord a sud e da superficie verso il fondo; fanno eccezione i casi in cui si verificano condizioni di ipossia/anossia degli strati profondi, che portano come conseguenza una sua solubilizzazione. Anche il fosforo totale presenta concentrazioni molto variabili durante l’anno, più accentuate nella parte settentrionale della costa, direttamente investita dagli apporti del Po. La figura 1 mostra gli andamenti temporali del fosforo totale e dell’ortofosfato nel 2017 nella stazione costiera più a nord (Lido di Volano). La figura evidenzia la notevole differenza di concentrazione tra i due parametri, con la prevalenza del fosforo totale, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi, dove la componente ortofosfatica è la forma che viene assimilata immediatamente e di conseguenza non presenta concentrazioni apprezzabili nell’acqua. Nelle acque costiere emiliano-romagnole il fosforo ortofosfato presenta concentrazioni basse e, soprattutto nel periodo estivo, inferiori al limite della rilevabilità strumentale. Durante tutto l'arco dell'anno 2017, in particolare, i valori di concentrazione di tale parametro sono generalmente sempre contenuti in correlazione alle scarse portate del fiume Po. 
Nelle figure 2 e 3 sono stati elaborati i trend evolutivi delle due forme di fosforo in alcune stazioni costiere e i valori riportati sono le medie geometriche annuali elaborate e raggruppate per area: l’area più settentrionale, compresa fra le stazioni di Goro e Comacchio, che risente degli apporti del Po e presenta elevati livelli trofici frequenti durante l’anno; l’area più meridionale antistante Cattolica, con più bassi livelli trofici; infine le stazioni costiere nell’area centrale della costa emiliano-romagnola, compresa tra Cervia e Cesenatico, in cui si rileva una situazione trofica intermedia, caratterizzata anche dagli apporti dei bacini locali, soprattutto nel periodo estivo. In tutte e tre le aree esaminate si è verificata, nel lungo periodo, una diminuzione delle concentrazioni del fosforo totale e del fosforo ortofosfato, corrispondente a una diminuzione dei carichi. Nei diagrammi sono rappresentate le tendenze di tipo lineare (rette tratteggiate), che mostrano in termini assoluti l’evoluzione complessiva dei sistemi, e quelle di ordine superiore (linee continue), che consentono di evidenziare eventuali fenomeni di ciclicità interannuale di circa 20 anni per entrambe le forme di fosforo.

 

 

NOME DELL'INDICATORE

Concentrazione di fosforo

DPSIR

S

UNITÀ DI MISURA

Microgrammi/litro

FONTE

Arpae Emilia-Romagna

COPERTURA SPAZIALE DATI

Regione

COPERTURA TEMPORALE DATI

1983-2017

LIVELLO DI DETTAGLIO GEOGRAFICO

Regione

AGGIORNAMENTO DATI

Quindicinale/annuale

RIFERIMENTI NORMATIVI

Dir 2000/60/CE, DLgs 152/06, DM 56/09, DM 260/10

AREE TEMATICHE INTERESSATE

Acque superficiali

METODI DI ELABORAZIONE DATI

Andamenti temporali, medie geometriche annuali

Altri metadati
Descrizione

I sali di fosforo, generati prevalentemente da attività antropiche, ma anche a seguito del dilavamento dei territori dei bacini, arrivano al mare dai fiumi e portocanali. Le sorgenti principali sono individuate nei comparti civile e industriale (industrie conserviere, zuccherifici, mangimifici, altre industrie alimentari etc.). Il fosforo è un microelemento nutritivo disciolto nell’acqua le cui componenti fosfatiche analizzate sono rappresentate dal fosforo-ortofosfato (P-PO4) e dal fosforo totale (P-tot).
La prima componente è estremamente variabile, con tendenza a stabilizzarsi nelle stazioni più lontane dalla costa. Il fosforo, sotto questa forma, può essere immediatamente assimilato dal fitoplancton; si rilevano concentrazioni solitamente molto basse, a volte inferiori al limite di rilevabilità analitica, soprattutto nel periodo estivo. In presenza di intense fioriture algali, quando l’ortofosfato disponibile nella colonna d’acqua viene rapidamente consumato, è sicuramente ipotizzabile l’innesco di meccanismi di riciclo di questo nutriente (rapida mineralizzazione e successivo riutilizzo da parte della biomassa algale).
Le concentrazioni di fosforo totale sono, invece, strettamente collegate alla presenza di particellato organico in sospensione nella colonna d’acqua, sia di origine detritica, e quindi direttamente correlato agli apporti fluviali, sia fitoplanctonica. Alla fine del suo ciclo può essere immobilizzato nei sedimenti attraverso la formazione di complessi insolubili (in particolare con il calcio e con il ferro ossidato). In caso di situazioni di anossia a livello dell’interfaccia acqua-sedimento, il fosforo può essere rilasciato e tornare in soluzione come ortofosfato biodisponibile.

Scopo

Lo sviluppo dei fenomeni eutrofici è dipendente dagli apporti di nutrienti veicolati a mare dai bacini costieri adriatici, soprattutto dal bacino del Po; conoscere, quindi, le concentrazioni di fosforo in mare permette di valutare e controllare il fenomeno eutrofico. Al fine di ridurre i fenomeni eutrofici e, quindi, di migliorare lo stato qualitativo delle acque costiere, è necessario rimuovere e controllare i carichi di nutrienti generati e liberati dai bacini, in modo da abbassare sostanzialmente le concentrazioni di nutrienti di fosforo (e di azoto) a mare. Nelle acque emiliano-romagnole e, in generale, in tutto l’Adriatico settentrionale, il fosforo è il fattore limitante la crescita algale, pertanto rimane l’elemento su cui maggiormente devono essere concentrati gli sforzi per contrastare l’eutrofizzazione.