Emilia-Romagna
Campi elettromagnetici Superamenti RF
Commento

Relativamente ai superamenti dei valori di riferimento normativo per l’esposizione della popolazione, la situazione nel corso del 2017 appare in graduale miglioramento: infatti sebbene nel 2017 siano stati riscontrati 5 nuovi superamenti, tali situazioni critiche sono state subito risanate, insieme ad altre due già evidenziate negli anni precedenti e finora in sospeso in corrispondenza di impianti RTV.

Nel periodo compreso fra il 1998 e 2017, si sono riscontrati complessivamente (RTV e SRB) 97 superamenti dei valori di riferimento, fissati dal DM 381/98 e successivamente dal DPCM 08/07/03.Relativamente allo stato di attuazione dei risanamenti previsti per legge, dei 97 superamenti rilevati, 88 risultano risanati o comunque rientrati entro i limiti di legge (pari al 91 % sul totale), 4 sono in corso di risanamento, per 3 sono in programma azioni di bonifica, mentre 2 sono ancora oggetto di verifica da parte di Arpae (vedi tabelle di dettaglio per siti RTV e SRB distintamente, nella sezione “Download grafici e tabelle”). Il rispetto dei limiti di legge può risultare da procedure di risanamento (riconduzione a conformità o disattivazione/smantellamento) o da  controlli successivi che non rilevano più superamenti dei valori di riferimento.

In totale si rilevano ancora 9 superamenti in atto, riportati in elenco in Tab. 1, relativi solo a siti radiotelevisivi; da tempo non si rilevano valori superiori ai limiti di riferimento per gli impianti SRB, non soggetti quindi a procedure di risanamento. In riferimento a tali superamenti in atto, nessuno di essi è stato rilevato negli ultimi anni. Del 11.1% di superamenti RTV ancora in atto, come si osserva in Fig. 1, le procedure di risanamento risultano tuttora in corso per il 4.5 % dei casi, programmati per il 3.4 % ed in corso di verifica nel 2.2%.

Come già sottolineato per gli anni passati, contribuisce al persistere di situazioni problematiche da risanare il fatto che, per questi impianti, l’azione di riduzione a conformità è tecnicamente più complessa e delicata, poiché coinvolge più sistemi coesistenti nello stesso sito. Si rileva inoltre che in alcuni casi i risanamenti sono sospesi, talvolta solo programmati, talvolta addirittura ancora in fase di verifica ed accertamento, perché, pur avendo Arpae comunicato alle Amministrazioni comunali competenti gli esiti delle misure, queste non hanno ancora adottato gli opportuni provvedimenti. La progressiva applicazione dei PLERT (Piani Localizzazione Emittenza Radio Televisiva) da parte delle Amministrazioni provinciali dovrebbe portare ad una migliore redistribuzione delle fonti di pressione sul territorio, prevedendo la delocalizzazione degli impianti nei siti classificati come idonei e misure per ridurre l’impatto elettromagnetico prodotto. Infine, il passaggio alla tecnologia digitale terrestre per gli impianti televisivi, che prevede generalmente una riduzione delle potenze utilizzate, non comporta comunque una diminuzione dell’impatto elettromagnetico, dal momento che gli impianti radio risultano i sistemi che contribuiscono maggiormente ai livelli di campo.

NOME DELL'INDICATORE

Superamenti dei valori di riferimento normativo per campi elettrici generati da impianti per radiotelecomunicazione e azioni di risanamento

DPSIR

S

UNITÀ DI MISURA

Numero superamenti, percentuale

FONTE

Arpae Emilia-Romagna

COPERTURA SPAZIALE DATI

Regione

COPERTURA TEMPORALE DATI

1998-2017

LIVELLO DI DETTAGLIO GEOGRAFICO

Provincia

AGGIORNAMENTO DATI

Annuale

RIFERIMENTI NORMATIVI

  • DM 381/98
  • L 36/01
  • L 66/01
  • DPCM 08/07/03 
  • Decreto 2 dicembre 2014 
  • LR 30/00
  • DGR 1138/08

AREE TEMATICHE INTERESSATE

METODI DI ELABORAZIONE DATI

Aggregazione dati (temporale, spaziale e per tipologie)

Altri metadati
Descrizione

Il DPCM 08/07/03, emanato in attuazione della Legge Quadro 36/01, individua i valori di riferimento normativo per i campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz. Il decreto, confermando le soglie individuate dal DM 381/98, fissa un limite di esposizione di 20 V/m per il campo elettrico, nell’intervallo di radiofrequenze e microonde, ed un valore di attenzione di 6 V/m, a titolo di misura di cautela per la protezione da possibili effetti a lungo termine, da rispettarsi all’interno di edifici adibiti a permanenze non inferiori a quattro ore giornaliere e loro pertinenze esterne (che siano fruibili come ambienti abitativi: balconi, terrazzi e cortili, esclusi i lastrici solari). Le modalità di valutazione del valore di attenzione ed obiettivo di qualità sono state modificate dal DL 179/2012 e successive ulteriori modifiche.
L’attività di controllo e vigilanza condotta da Arpae ha portato alla definizione di un quadro a livello regionale, distinguendo per stazioni radio base (SRB) e impianti radiotelevisivi (RTV), in cui viene riportato il numero dei superamenti rilevati, per provincia.
Per i soli impianti radiotelevisivi si riporta l’elenco dei superamenti in atto per provincia, comune, sito e valore di riferimento superato. Se in uno stesso sito risultano superati sia i 6 V/m, sia i 20 V/m, si considerano due superamenti distinti. Viene inoltre rappresentata la percentuale dei superamenti per i quali, dal 1998, risultano conclusi, programmati, in corso o ancora da definire (superamenti in corso di verifica) i risanamenti previsti per legge.
L’attività di controllo e vigilanza per la verifica del rispetto dei valori di riferimento normativo è svolta da Arpae attraverso sopralluoghi e rilevazioni strumentali, sia su programmazione annuale, sia su richiesta degli Enti Locali.

Scopo

Individuare e quantificare le situazioni di non conformità rilevate nell’ambito dell’attività di controllo svolta da Arpae relativamente agli impianti per radiotelecomunicazione (RTV e SRB) presenti sul territorio e valutare lo stato di attuazione dei relativi risanamenti, al fine di pianificare, anche in collaborazione con gli Enti Locali interessati, le misure da adottare per risolvere le criticità riscontrate ed i successivi interventi di controllo.