Emilia-Romagna
Energia Potenza elettrica lorda installata
Commento

La potenza efficiente lorda degli impianti di produzione di energia elettrica in Emilia-Romagna, al 31/12/2020, intesa come la somma delle massime potenze elettriche erogabili da ciascun impianto, è risultata pari a 9.393 MW, di cui 3.546 MW (pari al 38%) installata in impianti alimentati a fonti rinnovabili.
Si tratta di dati relativi alla potenza efficiente, ovvero la potenza dei singoli impianti nella loro piena efficienza e in condizioni ottimali di funzionamento.
Rispetto all'anno precedente, la potenza totale FER installata ha subito un incremento (79,3 MW, pari +2,3% rispetto al 2019), dovuto all’aumento nel settore fotovoltaico (70 MW, pari a 88% sul totale dell’incremento) e alle bioenergie (6,9 MW, 8% sul totale dell’incremento), mentre si rileva una diminuzione rispetto all’anno precedente della potenza degli impianti del termoelettrico tradizionale (-54 MW ).

 

 

NOME DELL'INDICATORE

Potenza elettrica lorda installata

DPSIR

D

UNITÀ DI MISURA

Megawatt

FONTE

Terna, Gse

COPERTURA SPAZIALE DATI

Regione

COPERTURA TEMPORALE DATI

2000-2020

LIVELLO DI DETTAGLIO GEOGRAFICO

Provincia

AGGIORNAMENTO DATI

Annuale

RIFERIMENTI NORMATIVI

AREE TEMATICHE INTERESSATE

Descrizione

L'indicatore descrive la variazione della potenza efficiente lorda degli impianti di produzione di energia elettrica nella regione Emilia-Romagna.
Le dimensioni e quindi la potenza degli impianti possono variare significativamente a seconda della fonte che li alimenta: gli impianti fotovoltaici hanno potenze tipicamente basse (potenza media pari a circa 25 kW), i termoelettrici in genere alte (potenza media di circa 9 MW), gli impianti alimentati con biomasse si collocano nel mezzo (potenza media circa 2 MW).
I dati relativi alla potenza installata nella tipologia "idroelettrico" comprendono anche l'impianto di pompaggio Suviana – Brasiamone (di potenza pari a 330 MW), utilizzato per l’accumulo di energia e caratterizzato da due distinte fasi giornaliere: durante le ore notturne, quando la richiesta di energia elettrica è minore, l'acqua viene pompata nel bacino superiore e viene poi fatta rifluire verso il bacino inferiore (producendo energia elettrica) nelle ore del giorno, quando la richiesta raggiunge il massimo. Come previsto dalla Direttiva 2009/28/CE, la frazione di energia elettrica prodotta da questo tipo di centrali, utilizzata per il pompaggio, deve essere esclusa nel calcolo delle fonti rinnovabili (FER).

Scopo

Visualizzare l'evoluzione temporale della potenza elettrica lorda installata in regione e la sua ripartizione tra le nove province dell'Emilia-Romagna.