Emilia-Romagna
Torna indietro
Stato chimico dei corsi d’acqua
Commento


Lo stato chimico, definito dalla eventuale presenza nelle acque di sostanze prioritarie, nel triennio di monitoraggioo 2014-2016 è risultato “buono” per la grande maggioranza dei corpi idrici fluviali; solo in una piccola percentuale (3%) di corpi idrici si è rilevato il superamento degli standard di qualità ambientale fissati dalla normativa (DM 260/2010), in particolare per alcuni IPA, Nichel e Ftalato DEHP, sostanza di largo utilizzo nei processi industriali, mentre nel 4% lo stato chimico risulta non determinato in attesa ulteriori di approfondimenti.