Emilia-Romagna
Torna indietro
Anomalia della precipitazione
Commento


La distribuzione spaziale delle anomalie di precipitazioni annue del 2019 evidenzia un anno caratterizzato da un surplus pluviometrico, con anomalie positive su quasi tutto il territorio regionale, tranne alcune zone isolate delle province di Rimini e Forlì-Cesena, dove le anomalie sono state negative. Le anomalie positive sono state anche molto intense (oltre +500 mm), soprattutto sull’Appennino centrale. 
A livello stagionale, la primavera e l’autunno sono state caratterizzate da anomalie positive su tutta la regione. Un contributo importante a queste anomalie positive è dato dalle precipitazioni elevate registrate nel mese di maggio (pari a oltre il triplo del valore climatico) e novembre (150% in più delle piogge attese nel mese). Dopo le straordinarie precipitazioni di maggio, le piogge di giugno 2019 sono state, all’opposto, le più basse dal 1961. Anche durante il mese di agosto le precipitazioni sono state scarse, conferendo all'estate una caratteristica di deficit nelle precipitazioni. Nonostante la presenza di questi mesi siccitosi, la quantità totale di precipitazioni per il 2019 è stato di circa 1.100 mm, circa 173mm in più del valore climatico di riferimento.
Sull’intero periodo 1961-2019, l’andamento della quantità totale di precipitazione annua non mostra la presenza di una tendenza significativa.